Paolo Rossi, un ragazzo d'oro

Palazzo delle Albere
dal 6 al 21 ottobre 2021

A neanche un anno dalla scomparsa dell'eroe del Mundial 82, Pablito verrà raccontato attraverso una mostra che ripercorrerà tutte le più importanti tappe della sua vita, dagli esordi al Lanerossi Vicenza, da campione del mondo alla vita privata. Tra arte, tecnologia, fotografie d'epoca e interviste il visitatore potrà anche solo per un attimo entrare in contatto con uno degli atleti più premiati della storia del calcio.

C’è solo un Uomo al Mondo che ha messo in ginocchio il Brasile dell’82, una delle squadre più forti e competitive di tutti i tempi, che ha cambiato il modo di giocare dei brasiliani e ha trascinato un’Italia stanca alla vittoria: Paolo Rossi. Pablito è considerato l’emblema della maglia azzurra, della vittoria ma anche della sofferenza, della tenacia e della rinascita.

Aveva un innato istinto per i gol, li fiutava, li intuiva e segnava regalando emozioni ormai impresse nella storia del calcio. Prima ancora di un grande calciatore Paolo è stato un grande Uomo, una persona che ha saputo raccontare di sé e delle sue gesta attraverso un'unica universale lingua che è quella dell’amore. Era amato da tutti e il motivo è molto semplice: sapeva amare.

Dietro le coppe e i premi c’era una persona dalla quale imparare umiltà e una particolare voglia di darsi alla gente; forse è per questo motivo che il titolo della mostra è venuto fuori come un naturale sentimento di metabolizzazione della scomparsa: chi è stato per tutti noi questo campione senza tempo?

E' “Paolo Rossi, un ragazzo d’oro”.